DIVENTARE ADATTATORE DIALOGHISTA

/DIVENTARE ADATTATORE DIALOGHISTA
DIVENTARE ADATTATORE DIALOGHISTA 2018-06-25T11:36:18+00:00
Anche la miglior traduzione del mondo non è sufficiente per rendere al meglio un adattamento se mancano le giuste strategie (mentali e pratiche).
tariffario traduttori

Inserisci la tua mail per iscriverti alla newsletter e ricevere subito 3 Video gratuiti di Adattamento Dialoghi!

[mc4wp_form id=”5525″]

Non basta saper tradurre per essere un buon adattatore-dialoghista, servono le strategie e l’atteggiamento mentale dei migliori adattatori-dialoghisti.

Un bravo adattatore dialoghista non si limita ad una mera traduzione ma deve “ricreare” i dialoghi rispettando dei vincoli tecnici e artistici, che lo costringono a veri e propri equilibrismi linguistici. Sicuramente la conoscenza della lingua del prodotto su cui si lavora è importante ma non indispensabile. Troppo spesso infatti diamo per scontato che esista solo la lingua inglese. E’ innegabile il fatto che la maggior parte dei prodotti sia di origine anglosassone, ma esistono anche film francesi, anime giapponesi, telefilm tedeschi ecc ecc… E’ quindi impensabile che un adattatore dialoghista sia anche un traduttore universale!
Eppure sempre più spesso in forum, blog e siti che si interessano di doppiaggio si accusa il l’adattatore-dialoghista di non aver rispettato il copione originale. Molte volte queste accuse rispondono al vero ma spesso ignorano una serie di vincoli e di filtri ai quali tutto il team di doppiaggio deve sottostare. E’ utile capire quali siano le restrizioni, in modo da potersi approcciare in maniera più consona all’opera. Alcune strategie di lavoro, però, rimarranno invariate per qualsiasi prodotto.

Anzi gli adattatori-dialoghisti che hanno interiorizzato e reso automatici questi passaggi fondamentali
riescono a mantenere uno standard elevato dei prodotti.
E’ prima di tutto un atteggiamento, una mentalità!

Da molto tempo infatti ci si lamenta del calo della qualità del doppiaggio. Cosa curiosa se si considera che l’Italia è da sempre considerata il fiore all’occhiello per quanto riguarda il doppiaggio nel mondo. Come si spiegano allora questi “scivoloni”?
I motivi sono molti ma sicuramente spesso alcuni adattatori-dialoghisti applicano due pesi e due misure, dedicando moltissima cura e attenzione a determinati film e poco amore e professionalità a cartoni animati e telefilm.

Una cosa è certa, quando il vero professionista per ragioni di contratto o di tempistiche è “costretto” a lavorare in fretta, applicherà comunque le strategie che utilizzerebbe per un cult.

Spesso anche i professionisti si dimenticano di questi passaggi fondamentali, e per una persona che inizia spesso sono automatismi che vanno assimilati ed affinati. All’inizio bisogna prestare attenzione ad ogni passaggio, poi diventano naturali, inconsci.

Impara fin dal principio a lavorare correttamente
per poter svolgere il tuo lavoro
con tranquillità e cura con qualsiasi prodotto.

Ecco i punti psicologici che devi tenere a mente se vuoi diventare un ottimo adattatore dialoghista:

  • Assimila lo spirito dell’opera

  • Domandati come poterlo riproporre fedelmente in italiano

  • Escogita soluzioni per concetti, pensieri, battute che siano “parlate nel quotidiano”

  • Studia il contesto sociale e storico dell’opera

  • Sii umile e mettiti in discussione

  • Osserva a mente fredda il lavoro che hai svolto

Ho selezionato e schematizzato i passaggi fondamentali, i trucchi, le astuzie che usano i professionisti del campo del doppiaggio e dell’adattamento dialoghi.

Se vuoi scoprire i segreti per poter lavorare sui prodotti della televisione e del cinema lavorando da casa con i tuoi tempi, clicca qui sotto per ricevere 3 video gratuiti dove ti spiego le strategie più interessanti e come evitare gli errori più comuni, ottenendo risultati immediati per diventare adattatore dialoghista.

tariffario traduttori

Inserisci la tua mail per iscriverti alla newsletter e ricevere subito 3 Video gratuiti di Adattamento Dialoghi!

[mc4wp_form id=”5525″]