Oggi parliamo di saliva e schiocchi. Cosa c’entrano con la comunicazione?  C’entrano sia con la comunicazione, sia con il doppiaggio. Si tratta di una cosa poco conosciuta, ma sappi che quando si registra per il doppiaggio, per un documentario, per un audiolibro, per uno speakeraggio radiofonico, tutte queste cose vogliono che l’audio sia il più pulito possibile.

Quindi, ovviamente, ciò che si dice deve essere articolato, intellegibile e quindi non bisogna mangiarsi le parole, per questo ti consiglio di dare un’occhiata al mio corso C.A.P.R.A. sull’articolazione, sul timbro.

Oltre a questo, l’audio deve essere pulito, senza schiocchi e senza saliva: sono due cose simili, ma leggermente diverse.

Gli schiocchi sono anche determinati dalla saliva, ma solitamente dalle “c” che hanno un picco molto fastidioso, soprattutto per la capsula del microfono e a video vedi proprio dei picchi. Solitamente la “c” di casa, ecco un po’ dura ma non così dura da creare dei picchi.

In questi casi il fonico ti chiederà di ripetere la frase, la battuta perché si potrebbe essere anche andare a lavorare sulla forma d’onda, ma meglio sempre rifarla.

La saliva è un problema soprattutto se inizia a essere una segnalazione costante da parte dell’assistente, soprattutto da parte del fonico o del cliente (che è ancora peggio).

Cos’è la saliva? Sono tutti quei rumorini all’interno delle parole o tra una e l’altra. Devi imparare a gestire la saliva e già c’è parecchia roba da gestire: la dizione (QUI il mio corso per la dizione), l’articolazione (QUI mio corso per l’articolazione), la recitazione (non c’è un corso, perché la recitazione va insegnata vis-à-vis), tutte queste cose.

Da cosa dipende la salivazione eccessiva o scarsa?

Solitamente dipende da questi fattori:

  1. tensione. Per superare la tensione, ho creato un corso su come dare il meglio di te al microfono, per agire dal punto di vista psicologico.
  2. alimentazione
  3. idratazione
  4. farmaci

Alimentazione: solitamente sono dei pasti troppo dolci o troppo salati che vanno a creare un squilibrio sulla tua salivazione.

L’idratazione dovrebbe essere buona già… da ieri! Quindi anche se inizi l’anello come il deserto del sahara, è un po’ inutile agire subito!

La sorsata d’acqua che berrai avrà effetto per poco tempo, poi la salivazione riprenderà il suo corso. Quindi, se vuoi essere correttamente idratato, fallo IERI.

saliva

Poi il quarto punto era farmaci: per quanto riguarda i farmaci, mi fa ridere perché nei bugiardini c’è scritto che provocano la secchezza delle fauci, come se uno fosse un leone!

Su una cosa di questo tipo, ovviamente non ti posso dare alcun consiglio, ma rivolgiti al tuo medico.

 Se la tua professione è quella di utilizzare la voce, parlane dicendo: “purtroppo mi crea dei problemi di secchezza delle fauci”.

Tornando alla tensione, quando uno è agitato, si secca la bocca, si non ha il controllo della salivazione, della sudorazione, tutte queste cose ti fanno ritornare all’uomo che deve affrontare le paure, le belve tutte! Su questo ci si può lavorare, con appunto il mio corso dove ti insegno delle visualizzazioni, come riuscire ad affrontare il palco e anche il microfono in maniera più tranquilla.

Se sei, invece, un public speaker e stai sul palco e utilizzi il microfonino che hai alla guancia, non lo puoi allontanare. Invece se usi il microfono a gelato, in questo caso se devi deglutire o se devi fare rumori, cose strane allontana il microfono.

Non è un problema da poco, calcola sempre che ogni volta che fai queste “cosine” di saliva, è come se spuntassi un po’ in faccia alla persona che hai di fronte, quindi al tuo pubblico!

Quindi rivolgo un grande appello a tutti coloro che fanno corsi online, anche registrati, a pagamento e che pensano che la voce non sia un elemento così essenziale.

Va bene, d’accordo la dizione non è essenziale, d’accordo il contenuto è l’importante, ma almeno questo, per favore! Ho acquistato un corso dove c’è l’insegnante, che fa questi schiocchi che dicevo, tra l’altro non perché abbia un problema di salivazione, ma per riempire un silenzio!

Il silenzio può essere scomodo, se non sai gestire i silenzi, quindi c’è chi fa “rumori” e così intanto riempie il vuoto e questo gli consente di pensare, ma è una roba inutile.

Lo stesso vale per gli studenti, è inutile riempire un silenzio con schiocchi o allungando le parole, non va bene.

In questo articolo ho parlato di diversi argomenti, ma quello principale ovviamente è quello della saliva e degli schiocchi.

Se vuoi realizzare dei video corsi, fai attenzione alla gestione della saliva, perché è fastidioso, anche se non si nota sempre, ma sono tanti sputazzi che rivolgi a chi ti sta ascoltando e inconsciamente il messaggio che passi non è bello!

Qui puoi ascoltare il video dove faccio sentire degli esempi di cattiva gestione della saliva e degli schiocchi.